Come again

Quella che segue è la traduzione (libera) della canzone che ho messo sul blog.
La canzone è candata da Sting, ma il compositore è vissuto nel 1600.. non vi dico quidni la difficoltà di tradurre certi passi del testo!
Cmq questo è il risultato:
 
Torna, dolce amore! Riconducimi
nei tuoi favori, che ora mi privano
delle giuste tue gioie:
vederti, sentirti, toccarti, baciarti e morire
di te, ancora una volta nella dolcissima comunione d’amore.
 
Ritorna! Cosicchè io possa finie di soffrire
per colpa del tuo riottoso sdegno,
ed ora, abbandonato e perso,
siedo, sospiro, piango, perdo i sensi e muoio
in questo lacerante dolore e in un’infinita sofferenza.
 
Di giorno il sole, che m’inonda di sdegnosa
luce, mi fa struggere
e mi lascia affamato.
I tuoi sorrisi sono Primavere che innalzano la mia gioia,
il tuo cipiglio è l’Inverno della mia afflizione.
 
Tutta notte il mio sonno è agitato da sogni,
dai miei occhi traboccano fiumi,
il mio cuore non ha alcun diletto.
 
Jhon Dowland