Depenalizzazione dello stupro

La Chiesa ha perso completamente la Trebisonda… una mia amica mi ha appena scritto “I preti hanno la canfora nel cervello” e com’è possibile non darle torto?

Gli “uomini di chiesa” parlano ogni giorno di sesso, ossessionati dal fatto che ormai il “popolo” non lo vive più come una sporca azione peccaminosa e con rimorso.. sarà per invidia, ma da quando il mondo ha iniziato a divertirsi col sesso (che, come sanno tutti, provoca orgasmi: cosa c’è di più piacevole e divertente in natura?!), la Chiesa tuona ogni giorno al riguardo: sesso sesso sessoooooooooooooooooooooooo!!!

Ed ovviamente, lo condannano, in ogni sua forma, tranne che se finalizzato solo ed esclusivamente alla procreazione: il sesso è un peccato che si deve commettere con pena e sentendosi colpevoli per poter procreare nuovi chierichetti per la Chiesa, punto, stop, fine… l’orgasmo è satanico (aggiungerei io).

Ebbene, arrivano dalla Spagna due articoli aberranti e vomitevoli, di cui danno notizia anche diversi siti internet italiani: http://www.uaar.it/news/2009/05/29/madrid-secondo-giornale-della-diocesi-se-banalizza-sesso-anche-stupro-ammesso/

Gli articoli sono apparsi in due pubblicazioni diverse nel giornale Alfa y Omega che esce una volta alla settimana come allegato cattolico al giornale nazionale spagnolo Abc e sono firmati entrambi Ricardo Benjumea, che scrive a nome dell’Arcivescovado di Madrid (quindi, non l’ultimo degli scemi).

Il primo risale agli inizi di Maggio e si intitola “I quattro lucchetti”.

Lo trovate in lingua originale qui: http://www.alfayomega.es/Revista/2009/642/05_veroircontarlo.html

Io vi riporto la traduzione (fatta da me), con i miei commenti nelle parentesi quadrate:

“Un uomo che cammina per la strada e introduce, supponiamo, la sua mano nel naso o nella bocca di una signora, o le afferra un dente, meriterà una sanzione, che si concretizzerà in funzione delle circostanze, però che, senza dubbio, sarà molto minore che se commettesse uno stupro. Gli organi genitali meritano, per tutta la società contemporanea o passata, una protezione molto speciale, e sopratutto quelli femminili [… per i Diritti Umani genitali femminili e genitali maschili dovrebbero essere tutelati allo stesso modo …]. Sono un santuario di vita [… allora sta parlando solo dell’utero femminile, e non di tutto quello che gli sta attorno!]. E un primo lucchetto che protegge questo santuario e la persecuzione dell’infame delitto dello stupro. Coerentemente con quello, tutte le civiltà hanno posto le relazioni sessuali tra un uomo e una donna sotto la protezione istituzionale del matrimonio e la cultura del pudore  [… un marito infatti non ha mai stuprato sua moglie e una signora vestita pudicamente non è mai stata violentata per strada …]. Secondo lucchetto. Le infedeltà sono sempre esistite; e allo stesso modo comportamenti depravati. Però nessuna società è mai sopravvissuta alla diffusione di queste attitudini, sempre accompagnate da una violenza terribile contro coloro che vanno o iniziano a nascere e contro le donne [… l’omosessualità, infatti, fa violenza alle donne e fa abortire … lo sanno tutti: “L’omosessualità causa aborti, usare con cautela”…]. La protezione della maternità costituisce il terzo lucchetto con cui tutta la società sana ha protetto il prezioso dono del perpetuare la vita. Ed esistono aiuti alla famiglia in tutte le sue varianti, sempre nel rispetto verso l’autorità paterna, sacra [… la patria potestà e il diritto dle padre di vita o morte sui figli è stato abolito anni e anni fa …] salvo forza maggiore: “onora il padre e la madre”. Quarto lucchetto. Il Governo spagnolo sembra impegnato a reinventare tutti i nostri lucchetti, tranne che il primo. Se fosse coerente nel suo programma di banalizzazione della sessualità, dovrebbe eliminare il delitto specifico dello stupro. Forse non si arriverà a tanto, benché altri fenomeni indiretti già ci siano: una maggiore promiscuità e meno stabilità familiare, più violenze contro le donne, dicono alcuni studi. Sono contraddizioni che il progresso porta fatalmente, che si ricorderanno. Però non sempre saranno corretti, e molti ci catapulteranno in un precipizio.”

Il secondo articolo (http://www.alfayomega.es/Revista/2009/643/05_veroircontarlo.html#contrapunto ) si inserisce su questa solfa di iddiozzie  ma calca la mano, tanto da essere riportato anche al di fuori dello stato spagnolo. Ecco la mia traduzione completa… il grassetto rosso è il mio sdegno e schifo per quanto scritto:

“Niente di più lontano nelle mie intenzioni che “banalizzare” lo stupro. Chiedo scusa a chi così lo ha inteso. La questione è: ridotto il sesso a un semplice passatempo, che senso ha mantenere lo stupro nel Codice Penale [… il signore autore forse non sa che le donne di solito dovrebbero essere CONSENZIENTI a fare sesso … immagino che a lui non sia mai capitato di far sesso con una donna che fosse felice di farlo con lui, quindi gli risulta “logico” equiparare uno stupro a un atto consenziente … ]? Non dovrebbe essere equiparato ad altre forme di aggressioni, come se, per esempio, si obbligasse qualcuno a “divertirsi” per qualche minuto? Perché tanta disparità nelle condanne? Non è “demagogia”. Ci sono movimenti recenti in questa direzione. A marzo, in una decisione senza precedenti, il Consiglio dei Ministri ha concesso un indulto parziale a uno stupratore la cui condanna a 12 anni, ratificata dal Tribunale Supremo, è stata ridotta a cinque anni [… non si sa nient’altro di questo caso, di cui l’autore dell’articolo non parla, ma fa solo illazioni contro il governo senza documentare niente, nemmeno le motivazioni del parziale indulto …]. Il condannato è un giovane omosessuale […evidentemente, per il pio uomo di chiesa la sua omosessualità doveva essere un’aggravante … ], ben relazionato con i circoli pro-governo dell’industria dello spettacolo, che aggredì un altro giovane nei bagni di una discoteca. I suoi tre complici furono favoriti dalla Segreteria delle Prigioni della Generalidad della Catalogna, con un’altra sentenza senza precedenti: ottennero il terzo grado e poterono abbandonare il carcere dopo solo 8 mesi di condanna. Quando si banalizza il sesso, si dissocia dalla procreazione [… che, ricordo, è l’unico motivo esistente per fare sesso … non esistono altre motivazioni … ]e si svincola dal matrimonio, decade allora la considerazione dello stupro come delitto penale [… ma perché?! Con che logica?! E poi ricordo che lo stupro spesso porta a gravidanze… dovrebbe gioire e promuovere lo stupro questo idiota invece di condannarlo!]. Questo è l’ambiente culturale i cui viviamo e, senza dubbio, l’immensa maggioranza degli spagnoli considera un’aberrazione che si tolga lo stupro dal Codice Penale, anche se, a soli dieci metri, uno può trovare una farmacia dove comprare, senza ricetta, la pillola che converte le relazioni sessuali in semplici atti per il piacere e per il divertimento [… la pillola anticoncezionale quindi, oltre a causare l’inaridimento dei campi e la sterilità maschile, ora causa anche un incremento di stupri e, sottintendo io, di omosessuali in giro …qui il link all’articolo sulla pillola: http://www.corriere.it/cronache/09_gennaio_04/vaticano_pillola_inquina_mondo_945533c8-da47-11dd-a7f8-00144f02aabc.shtml ]. Questa ipotetica indignazione è un motivo di speranza, perché dimostra che la disumanizzazione della sessualità, promossa dal Governo, tuttavia non è arrivata al punto di non ritorno.”

C’è di positivo che sui siti spagnoli che ho letto per documentarmi su questo scempio la maggioranza dei commentatori dichiara che grazie a queste nuove oscenità ecclesiastiche si farà “sbattezzare”.

 Più che altro dovrei smettere di inorridire per le dichiarazioni che questi imbecilli fanno…

Annunci

5 Responses to Depenalizzazione dello stupro

  1. Daniela says:

    Sempre buone notizie, non c’è che dire.

  2. Zel says:

    Ovviamente nessuno vuole depenalizzare lo stupro in spagna… riporto solo le cretinate di un imbecille….

  3. Daniela says:

    Appunto, forse non guarda i telegiornali, o vive sulla luna o su marte, per credere che ci siano le regole SACRE per scampare allo stupro, visto che quella signora violentata vicino a Roma, non so cosa avesse fatto di male, ad esempio…Ma è un discorso così deficente, che è indegno di attenzione, se non per sottolineare come hai fatto tu ,le baggianate che afferma.

  4. letizia says:

    Calcolando che c’è anche gente che non si ferma a soccorrere ragazze stuprate in pieno giorno facendo finta di nulla!!…figuriamoci se ci sono persone che dicono cose simili!!…

  5. Mito says:

    La mia intervista (o almeno il tentativo) ad un giovane prete,domanda riguardo il sesso:La mia domanda: il sesso prima del matrimonio è peccato?risposta: dipende dal percheè, dal come e soprattuto dalll’uso e dal fine per cui si faogni persona non è una serie di dati o uno schema rigido…è una persona che ha una vita prorpriail sesso è amoremia domanda:quindi soltanto per procreare oppure soltanto per amore?risposta:procreare non è amore? amore non è procreare?(ma non dovevo farle io le domande?)Io: mi riferisco all’amore tra i duerisposta(?): il sesso può essere una manifestazione profonda fra i due….che però può correre il rischio di una mercificazione che troppo spesso non è per amore ma per un puro soddisfamento di istintiIo: e la mia domanda era appunto, in questo caso è peccato?risposta:come ti sentiresti tu e cosa faresti se in confessionale venisse un giovane, mettiamo caso, e ti dicesse che lui è veramente, pienamente innamorato della sua ragazza, che la sente parte della sua vita e ti dicesse che ha avuto un rapporto sessuale con lei proprio perchè la ama profondamente e si è lasciato trasportare da questo amore?Ma non dovevo farle io le domande? O_ONon ti scrivo poi le domande e le risposte sull’omosessualità (che non hanno voluto depenalizzare) alla fine ho dovuto rinunciare,perchè è dovuto andare via e poi non mi piace quando anzichè rispondermi con le risposte,mi rispondono con le domande XDComunque, a parte gli scherzi, RABBRIVIDITE PURE SE VOLETE,ma perchè Stato e Chiesa vanno eliminati!(ecco l’ho detto,ho perso la pazienza)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: