Cosa dicono di Berlusconi all’estero?

Ed eccoci qui, già umiliati abbastanza, a sorbirci le parodie delle trasmissioni comiche e satiriche estere su Berlusconi…
Mi chiedo: in Italia permetterebbero un programma simile?
Temo proprio di no…
Godetevelo sulla Tv Inglese:
 
 
Ed ecco dall’Irlanda il toto-insulto: chi insuleterà Berlusconi questa volta?
Dopo che ha richiamato abbronzato Obama e ha tirato di mezzo pure la Firt Lady, c’era da aspettarselo!
Vi metto l’articolo di Libero al riguardo del toto-scommesse, perchè mostra uan delle migliori Sindrome Da Sentimenti Offesi degli ultimi tempi:
Dopo settimane di campagne denigratorie contro Silvio Berlusconi ora dall’estero arriva l’ultima trovata: le scommesse su chi sarà il prossimo che insulta Berlusconi. Dopo aver detto che la moda italiana è scadente per colpa del premier, ora le scommesse sugli insulti. A lanciare l’idea è stato il sito di scommesse Puddypower, il più grosso bookmaker irlandese, che chiuderà le scommesse a proposito il 2 ottobre: le uniche limitazioni sono che si può puntare su un nome solo e l’insulto deve essere rivolto alla persona entro il 2009. In pol position Angela Merkel che è data 3/1, la seguono il dittatore libico Muammar al-Gheddafi con un 3,5/1 (7/2), il primo ministro britannico Gordon Brown (4/1), quello francese (5/1), il presidente iraniano Mahmud Ahamadinejad, Benedetto XVI (8/1), Kim Jong-il (8/1). Più distanziati i premier di Russia (14/1) Cina (18/1) e la regina d’Inghilterra (20/1). 
Annunci

Crimini oggi e nella Bibbia

Si sente spesso proclamare che il mondo va sempre peggio, che la quantità di atrocità commesse in questi ultimi anni non posso che essere la prova dell’imminente fine del mondo. Secondo molti, siamo negli Ultimi Tempi: Dio è stato escluso dalla vita delle persone, che quindi sono ormai irrimediabilmente sprofondate nelle più delittuose pratiche.
Davvero queste persone credono che oggi sia peggio di ieri?
Che oggi, con la dilagazione dell’ateismo, dell’agnosticismo o comunque con l’allontanamento da Dio, le cose siano così peggiorate?
Con Marco abbiamo fatto una mini carrellata in due giorni sui più efferati crimini compiuti negli ultimi anni e gli stessi identici crimini commessi nella Bibbia da uomini che non solo conoscevano personalmente Dio, ma che da lui erano amati ed eletti.
Posso affermare, che le cose oggi non vanno nè meglio nè peggio di come andavano quando Dio era quotidianamente presente… anzi, sovente è Dio stesso nella Bibbia ad ammazzare e a far stragi di innocenti.
  

 

Padri che sgozzano i figli:

5 Dicembre 2008: Hina: “La ragazza aveva 20 anni quando venne uccisa: fu sgozzata”

15 Settembre 2009: Sanaa: “Ha ucciso la figlia di 18 anni, sorpresa in auto con il fidanzato. L’ha inseguita per strada e l’ha finita con una coltellata alla gola”

1700 a.C. Abramo è pronto a sgozzare suo figlio Isacco, adolescente.

 

26 Agosto 2009: “Ha ucciso il figlioletto nato da appena due settimane e si è suicidata. (…) Secondo i primi accertamenti sembra che la donna avesse una relazione con un uomo sposato e che l’amante non volesse riconoscere il bambino.”

 950 a.C. Salomone dichiara: “I figli di adulteri non giungeranno a maturità; la discendenza di un’unione illegittima sarà sterminata” (Sapienza 3,16)

 

Delitti d’onore:

12 Agosto 2009, Giordania: “un uomo ha ucciso una nipote di 16 anni, sparandole nove volte, per difendere l’onore della famiglia perchè la ragazza era stata violentata, secondo la stampa locale, dai suoi stessi cugini.”

3 Giugno 2006 Reggio Calabria: “Brunetta Morabito, 31 anni, non è morta. È uscita dal coma, cammina, vede, parla e tiene in braccio il suo bambino. (…)Ma Brunetta Morabito doveva morire. Solo così avrebbe riparato alla vergogna di avere avuto un figlio senza essere sposata. L’aveva deciso uno dei suoi fratelli, Giovanni, 24 anni, già pregiudicato. (…) 

1220 a.C. Mosè ordina:se la giovane non è stata trovata in stato di verginità, allora la faranno uscire all’ingresso della casa del padre e la gente della sua città la lapiderà, così che muoia” Deuteronomio 22,13-21

Il burqua

era sostenuto da Paolo stesso: “L’uomo non deve coprirsi il capo, poiché egli è immagine e gloria di Dio; la donna invece è gloria dell’uomo. (…)Per questo la donna deve portare sul capo un segno della sua dipendenza” 1-Corinzi 11,7-10

Impiccagioni di gruppo:

29 Settembre 2007: Calais: “un’intera famiglia è stata trovata morta in casa propria da un vicino: un’anziana coppia, entrambi sulla sessantina, e i due figli che convivevano con i genitori, un uomo e una donna sulla trentina, erano in cucina, tutti impiccati.”

550 a.C. Ester: “è stato impiccato ad un palo con tutta la sua famiglia alle porte di Susa, giusto castigo datogli senza indugio da Dio” Ester 8,12R

Distruzione dei nemici:

 1040 a.C. Samuele: “Io vengo a te nel nome del Signore degli eserciti, Dio delle schiere d’Israele, che tu hai insultato. In questo stesso giorno, il Signore ti farà cadere nelle mie mani. Io ti abbatterò” 1-Samuele 17,45-46

Morte all’omosessuale:

24 febbraio 2009 Valencia: “Aveva ucciso con 57 coltellate una coppia di gay nel luglio del 2006.”

20 Agosto 2009 Napoli: “Una coppia di turisti gay è stata aggredita a Napoli da un ‘branco’ di 15 persone.”

1700 a.C. Mosè: “Se uno ha rapporti con un uomo come con una donna, tutti e due hanno commesso un abominio; dovranno essere messi a morte” Levitico 20,13

 

Stupri in famiglia:

27 Maggio 2009, Torino: “Una storia di abusi e incesti lunga 25 anni di cui sono state vittime 6 ragazze e bambine di una famiglia torinese: è quanto hanno scoperto la Procura di Torino e gli agenti del commissariato Barriera di Milano che hanno raccolto la denuncia di una ragazza, Laura (il nome è di fantasia), 34 anni, che da quando ne ha 9 è stata costretta a subire le violenze sessuali del padre e poi anche del fratello, a sua volta padre di 4 figlie anch’esse vittime dei suoi abusi.”

1040 a.C. Il figlio di Re Davide: «mentre [Tamara] gliele dava da mangiare [le frittelle], egli la afferrò e le disse: “Vieni, unisciti a me, sorella mia”. Essa gli rispose: “No, fratello mio, non farmi violenza…
Ma egli non volle ascoltarla: fu più forte di lei e la violentò unendosi a lei…” 2-Samuele 13,11

Stupri di gruppo:

20 Giugno 2005 Milano: “Ci sono almeno due minorenni tra i cinque romeni del ‘branco’ che, l’altra notte, hanno stuprato a turno una studentessa milanese di 22 anni alla periferia di Milano davanti agli occhi del suo ragazzo, nel frattempo picchiato e immobilizzato”

2 Settembre 2009. Napoli: “Sono accusati di violenza sessuale ai danni di una ragazza minorenne, 8 ragazzi di Napoli.”

1050 a.C:.«Allora il levita afferrò la sua concubina e la portò fuori da loro. Essi la presero e abusarono di lei tutta la notte fino al mattino; la lasciarono andare allo spuntar dell’alba…» Giudici 19, 25

Decapitazioni

10 Luglio 2009, Somalia

: “Il gruppo integralista islamico somalo al Shabaab, legato ad al Qaeda, ha decapitato nella citta’ centro meridionale di Baidoa sette persone accusate di essere ”cristiane” e ”spie”, nella stretta osservanza della sharia”

970 a.C., Davide, il fondatore della santa famiglia di Gesù: “Davide fece un salto e fu sopra il Filisteo, prese la sua spada, la sguainò e lo uccise, poi con quella gli tagliò la testa. “1-Samuele 17,51

Pedofilia in famiglia:

Palermo, 12 Maggio 2009: “Ha abusato per anni dei suoi due figlioletti.(…) Le vittime sono una maschietto e una femminuccia minori di 10 anni.”

1700 a.C. Lot: “30 POI Lot salì di Soar, e dimorò sul monte, insieme con le sue due figliuole (…)36 E le due figliuole di Lot concepettero di lor padre.” Genesi 19, 30 – 36

Genitori che danno i figli ai pedofili:

18 Aprile 2007, Tor Fiscale: “(…)I pedofili radunavano i bambini e facevano la conta: questo sì, quello no.(…) I genitori, come ricompensa per la vendita dei figli, ricevevano una manciata di euro, una tv, un generatore.

1700 a.C., Lot: “8 Sentite, io ho due figlie che non hanno ancora conosciuto uomo; lasciate che ve le porti fuori e fate loro quel che vi piace, purché non facciate nulla a questi uomini, perché sono entrati all’ombra del mio tetto” Genesi 19,8

Stupro e matrimonio riparatore:

25 Dicembre 1965, Alcamo: “(…)all’età di 17 anni, Franca Viola(…) venne rapita (…)da Filippo Melodia, un suo spasimante sempre respinto (…).La ragazza venne violentata e quindi segregata per otto giorni in un casolare al di fuori del paese (…).Secondo la morale del tempo, una ragazza uscita da una simile vicenda, ossia non più vergine, avrebbe dovuto necessariamente sposare il suo rapitore, salvando l’onore suo e quello familiare.”

1500 a.C., Dina: “Ma la vide Sichem, figlio di Camor l’Eveo, principe di quel paese, e la rapì, si unì a lei e le fece violenza. (…)Poi disse a Camor suo padre: «Prendimi in moglie questa ragazza».” Genesi 34, 2-4

Stragi di bambini innocenti:

23 Agosto 2008, Kabul: “Kabul, settantasei persone, tra cui 50 bambini, sono rimaste uccise durante un bombardamento delle forze della coalizione sotto il comando americano”

1250 a.C. Dio: “A mezzanotte il Signore percosse ogni primogenito nel paese d’Egitto, dal primogenito del faraone che siede sul trono fino al primogenito del prigioniero nel carcere sotterraneo” Esodo 12.29

  

—->il post è in via di aggiornamento… se qualcuno ne ha altre segnalate pure che pubblico.

Grazie Marco per l’aiuto!

 

 

Morte ai figli degli adulteri:

 

Berlusconi 0 – Libera Stampa 2

Visto che all’estero ESISTE la libera stampa, e, sopratutto, esiste la libertà di CRITICARE chiunque, pure San Berlusconi da Arcore, il tribunale di Milano ha dato ragione all’Economist e, quindi, torto alla denuncia fatta dallo psicononano contro tale quotidiano, reo di aver scritto un articolo sul perchè Silvio-povero-Silvio era inadatto a governare l’Italia. Era il 26 Aprile 2001 e il povero nanetto non l’aveva presa bene, andando a sporgere denuncia per “diffamazione” a chi di dovere.
Oggi è arrivata la sentenza (di cui non so se i giornali nostrani daranno notizia): l’Economist non diffamò Berlusconi perchè tutto quello che aveva scritto era VERO.
Ed ecco l’articolo che fece infuriare Silvio-tutti-mi-fraintendono-ma-in-realtà-non-l’ho-mai-detto: http://www.economist.com/opinion/displaystory.cfm?story_id=587107
Per chi ha voglia di leggerlo, segnalo il capitolo sui legami tra Berlusconi e Cosa Nostra, su Tangentopoli e Berlusconi, sulla televisione e Silvio, sul trusting italiano e Berlusconi, sulle offshores illegali e Silvio e via dicendo… insomma, tutta la merda che un politico non dovrebbe fare per essere un politico onesto e che il nostro presidente del consiglio ha puntualmente fatto.
All’estero non è reato, quindi, dire e scrivere la verità; in Italia invece chi la dice viene censurato dalla tv nazionale… sigh.
    
  
AGGIORNAMENTO:
Altra notizia non data dala Stampa nè dalle Tv italiane, è quella che Daniele Luttazzi ha vinto la casa intentatagli da Berlusconi per diffamazione (pure lui) sempre 5 anni fa.
Qui sotto i link ai video dell’intervista di Luttazzi a Travaglio che gli costò la denuncia.
    La sentenza dichiara che visto che quello detto da Luttazzi era Vero, Berlusconi gli deve pagare le spese legali (per 5 gradi di processo). Berlusconi, denunciando Luttazzi, avva chiesto come “risarcimento morale alle sue dffamazioni” 41 miliardi di lire!!!
Ecco qui i video dell’intervista che causò la denuncia:
     

     

 

  

AnnoZero

Dopo aver passato l’estate a leggere Per Chi Suona La Banana e AnnoZero, entrambi di Marco Travaglio, non posso che “aiutare” nel mio piccolo questa illuminante trasmissione diffondendo gli spot del nuovo anno, censurati dalla Rai e da quasi ogni giornale.
  
Giovedì 24 Settembre ricomincia AnnoZero, su Rai2, sperando che Santoro resista e non obbedisca al nuovo Editto Bulgaro che vorrebbe Travaglio e il bravissimo vignettista Vauro fuori dal programma.
 
 
 
 
 

TENSIONI IN RAI. Il presidente della Vigilanza, Zavoli: «Grave lo spostamento di Ballarò»

Annozero, Santoro attacca:
«Berlusconi agisce nell’ombra»

Il conduttore: «Manca poco più di una settimana al debutto e non c’è il contratto per Travaglio»

Michele Santoro (Eidon)
Michele Santoro (Eidon)

MILANO – Dopo lo slittamento per Ballarò di Floris in favore della diretta di Porta a Porta di Vespa sui terremotati di martedì sera, non accenna a placarsi la polemica in Rai. Questa volta è Michele Santoro ad andare all’attacco: «Sappia Berlusconi, che continua a agire vigliaccamente nell’ombra, che, nel caso, non faremo passare tutto questo senza un’ultima battaglia: sarà il pubblico di Annozero a chiedere che il suo programma vada in onda», afferma il conduttore a conclusione del suo intervento a Repubblica Tv, dopo aver parlato del contratto di Marco Travaglio, dei rallentamenti burocratici per il programma(«Chi parla di lui, parla della trasmissione, sono la stessa cosa») e del caso Ballarò. «Manca poco più di una settimana al debutto e il direttore generale fa sapere, senza smentire, che il contratto non c’è ancora perchè deve esserci un approfondimento in Cda. Perchè il Cda deve dibattere su Travaglio? È forse un delinquente, che non può esprimersi? Esiste una lista di giornalisti che non possono parlare? Non possiamo accettare – continua Santoro – questo gioco del direttore generale se non spiega il perchè: se c’è un problema dica quale è. Io sono stato abbandonato e con un grandissimo senso di responsabilità ho cercato soluzioni possibili per le quali vengo attaccato dai giornali di Berlusconi, mentre dico e ho sempre detto che senza Marco Travaglio non c’è Annozero».

 

LA SITUAZIONE – Santoro ricorda che la trasmissione non ha ancora una troupe operativa per fare le inchieste e il contratto del suo opinionista più importante è sub judice: «e noi accettiamo questo? E lo accetta il Consiglio? E il presidente di garanzia della Rai accetta questo che umilia la professionalità, che umilia la tv? Persone che non si sono mai occupate di tv in vita loro e che sono stati messi lì dal presidente del consiglio devono decidere della vita e della morte di operatori che da 20 anni costruiscono successi Rai, persone che hanno dato il sangue, che si sono occupate di mafia. E noi dobbiamo aspettare l’esito di un dibattito per sapere se Marco Travaglio ci sarà. Ma si sappia che parlare di lui è parlare di Annozero».

«TERRORISMO PSICOLOGICO» – Con Santoro c’è anche il consigliere d’amministrazione Nino Rizzo Nervo che spiega come non sia il Cda («Non è di sua competenza») a doversi occupare del contratto di collaboratori delle trasmissioni e che il direttore generale ha detto che riferirà di Travaglio al prossimo Cda. «È in atto in Rai, per volontà esterna, un’azione di terrorismo psicologico nei confronti di quelle diversità editoriali che ancora sopravvivono. Credo comunque che una forzatura su Travaglio alla fine non ci sarà e se ci fosse una forzatura sulla direzione di Raitre, allora la chiamata alla mobilitazione non sarebbe solo di Santoro». Per Rizzo Nervo, «il direttore generale sa cosa sarebbe successo se venerdì sera non avesse firmato i contratti per Bartolino e Dandini e anche i problemi nati con Fazio stanno per risolversi» e sulle nomine ricorda di avre votato senza problemi proposte in cui fosse una valenza professionale, come per Raisport e il Tg2. Per altre, visto che un cambio di vertice non comporta l’obbligo di cambiare tutto, sappiamo che il direttore generale ha il potere di fare proposte, ma sappia che devono essere coerenti e dimostrare che non nascono da intenzioni censorie, di soffocamento delle diversità editoriali, di normalizzazione della rete. Lo saprà? Voglio credere di sì, se no non ci sarebbe, da parte mia, solo una presa di posizione sdegnata». Quanto a Floris e Ballarò, sia Rizzo Nervo sia Santoro sostengono che non si era in presenza di alcun evento straordinario, che solo potrebbe giustificare un cambiamento di palinsesto. «Evidentemente Vespa, specie in un caso come questo, non deve avere confronti (e se Ballarò poi lo battesse?). Vespa gestisce una forma di monopolio e sfugge a ogni confronto con al concorrenza di chi potrebbe fargliela». E Rizzo Nervo aggiunge che «si è deciso che martedì sia una giornata di celebrazioni e allora anche una battuta di Crozza all’inizio di Ballarò può dare fastidio».

ZAVOLI: «DECISIONE GRAVE» – Nel frattempo arriva anche il parere del presidente della commissione di Vigilanza sulla Rai, Sergio Zavoli, che giudica «grave» la decisione di rinviare la partenza di Ballarò domani su Raitre per fare spazio a uno speciale di Porta a porta e annuncia di aver anticipato a mercoledì alle 12.45 la convocazione dell’ufficio di presidenza della commissione. Allo stesso tempo Zavoli stigmatizza «la pletorica invadenza di Miss Italia, la cui durata ha indotto addirittura alla cancellazione di un telegiornale». «La decisione, all’ultimo momento, di bloccare sia pure una tantum la puntata di Ballarò su Raitre – aggiunge Zavoli – di fatto contraddice il criterio di un palinsesto differenziato, volto a stabilire con il pubblico appuntamenti programmabili. Le due trasmissioni hanno sempre convissuto all’interno dei palinsesti delle rispettive reti, e la deroga, specie se perentoria, costituirebbe un problema da dover prontamente risolvere».

http://www.corriere.it/politica/09_settembre_14/santoro_annozero_travaglio_668f300e-a127-11de-9cad-00144f02aabc.shtml

Sayed Parwiz Kaambakhsh II parte

 
Sayed Parwiz Kaambakhsh è un giovane giornalista afgano (oggi ha 24 anni), arrestato nel gennaio 2008 per aver pubblicato un articolo in difesa dei diritti delle donne del suo paese, aggiungendo la frase provocatoria “se un uomo può avere fino a 4 mogli, perchè una donna non può avere 4 mariti?”
Era stato condannato a morte dopo tre mesi di carcere per “blasfemia”, poi “condonati” in 20 anni di carcere, ma ieri è giunta la bellissima notizia che è stato rilasciato, e che ora si trova in uno stato “amico”, sotto segreto e sotto scorta.
Dobbiamo ringraziare le pressioni internazionali e il lavoro di moltissime associazioni umanitarie che hanno lottato e richiesto al presidente afgano la grazia per questo ragazzo.
Dovrà però passare il resto della vita sotto scorta e nascosto, in quanto gli integralisti islamici ne hanno minacciato la morte e il linciaggio.
 

IDIOTA CHE PER PURO CASO E’ PURE EVANGELICO MA CHE NON FA RIDERE PERCHE’ SEGUE TALE FEDE MA PER L’ITALIANO CHE USA

Hehe… non lo metto nemmeno nella categoria “Religione” perchè è troppo idiota.

Questo predicatore evangelico, ex prete (parrebbe), si chiama Giuseppe Giralico, del comune di Veroli (FR) e, sempre a suo dire, capo della comunità evangelica di quella regione.

Ammetto subito che su internet non esistono reali informazioni su tale personaggio, e quindi ci si rifà a quello che dice lui.

Di video ce ne sono centinaia (gli idioti non chiudono mai la bocca, ma vanno orgogliosi della propria ignoranza), ma ho selezionato per voi uno che ne raccoglie i migliori (che comunque trovate su Youtube).

Riporto sotto alcune trascrizioni dei passi migliori, perchè davvero, questo personaggio merita ogni singola risata che suscita.

Buona visione!

PS: vorrei far notare che ha “il dono delle lingue” (tranne dell’italiano), in quanto ogni tanto boffonchia alzando le mani al  cielo parole che non esistono… è “realmente” la manifestazione di tale dono (a suo dire)… anche tali “doni” sono riportati nelle trascrizioni qui sotto (e in particolar modo nella terza e nella quarta).

  

   

 

“Gli altri senza legge. Parlate delle targhe alterne accóme1 state a parlà delle caramelle! Cosa credete ca2 il popolo ddó va a rubà i soldi?! Siete voialtri che avete sbagliato! E lo dovete ammette che avete sbagliato! Perché dovete comandare… quelli che portano le macchine dentro, o la Fiét4, o la Forde4, qualisisi macchina devono venire co la ma… marmitta catalitica, e no… e nemmeno quella bastanza, e non, non n’z deve fare il car pull tre persone ogni macchina, perché io non conosco chi devo mette. S’io sono una donna, entrano due banditi dentro alla macchina, siete contenti e pagati voialtri le spese, pagate ogni cosa? O siete… siete falsari? Cosa siete? Voi altri non sapete nniente del Governo! Invece mettate le targhe catalitiche! E faciate i parcheggi fuori dalla strada, fuori dalla autostrada! Ci vogliono parcheggi grandi s’ ulét’ fà5 n’ l’, le… car pull, accomm’1 dicono all’America! E le macchine se fermano la’ devono avere anche un parcheggio, no? Benedetto sia il nome del Signore! Oh Kalatà shaiànda kayanda6! Per nome di Gesù Cristo! […] Per nome di Gesù! Benedetto sia l’Eterno! D’una ‘ternità a un’altra… ammènn!”

1: Termine di derivazione dialettale. Dal dizionario ciociaro: “accómm”=come
2: Termine dialettale. Dal
dizionario ciociaro: “ca”=che
3: Termine di derivazione dialettale. Dal
dizionario ciociaro: “addó”=dove
4
: Termini dialettali per FIAT e Ford
5: Dal
dizionario ciociaro: “volete fare”
6: Al meglio delle nostre conoscenze, questo è delirio.

 

“.. parla ai gioveni, alle giovane, che cercabno essere da…da.. da essere sessuali, da avere un rapporto co.. co… coi giovani. E’ una cosa abbominevole verso il Signore! Perché voialtri vi mantenete a resistere. Voialtri siete benedetti dall’Eterno. Il sessualismo è una cosa cattiva, è un peccato. Il peccato lo portate fino al matrimonio, dopo il matrimonio ci starà sempre la guerra, perché ci sono divorzi, perché non ci stiamo attenti da essere sessuali, non ci guardiamo da essere fermi con la parola di Dio. Bisogna essere fermi, non bisogna essere adultero-sessualismo! […] Perché non sono da Dio… Lo ‘nsegnano nelle scuole, perché ne… nella scuola fanno vedé ca1 c’hanno la relogione  e invece non è religione. Il sessualismo è una cosa peccato! E’ una cosa abbominevole! […]

1: Termine dialettale. Dal dizionario ciociaro: “ca”=che


“l Signore è grande, fratelli. Ancora, tutte io metto, tutte l’enfermità, qualsiasi infermità, davanti al trono della Grazia. Anche l’èzz1, ogni infermità, ognuno che c’ha l’infermità, che crede in Gesù Cristo, che poggia le sue mani sopra le mie. E io sgrida ogni infermità che voi altri avete. Padre, per nome di Gesù Cristo. Io sgrida ogni infermità, o Signore. Ushakarapah, per nome di Gesù-uuh, kaltìkiaparassàh2. Siete guariti per nome di Gesù Cristo! Signore guariscili ognuno per nome di Gesù Cristo! Distruggi ogni infermità! Ogni malattia, Padre, per nome di Gesù Cristo! Distruggi, o Signore! Per nome di Gesù! Guariscili dalla testa fino alli piedi, Signore, ognuno che tocca le mie mani, ognuno che crede che è guarito questa sera per nome di Gesù Cri-uhshalaparasalakah3…”

 

1: Leggi: “Anche l’AIDS, […]”.
2: Al meglio delle nostre conoscenze, questo è delirio.
3: Anche questo.

Parliamo dell’uomosessuale, o Signore. L’uomosessuale è una cosa abbominevole1 davanti a Te. Tu hai mandato i Tuoi angeli a Sàdoma e Camorra2, o Signore, tu l’hai distrutta. Perché erano omisessuali, non c’era nessuno avveduto, c’era solo Lotte3, Signore. E tu hai tirato fuori Lotto3 da Sàdoma e Camorra, o Signore, e addistruggi Sàdoma e Camorra. Ma quando i Tuoi angeli hanno arrivati a Sàdoma e Camorra, quelli uomini di Sàdoma e Camorra volevano, volevano provare, volevano, volevano conoscere gli angeli, Signore. Ma non li volevano conoscere, Signore, come stai o come non stai4: li volevano conoscere sessualmente, Signore. Ammén ammén amménna olashikiria sayanda5

 

N.B.: La redazione di questo sito si dissocia e condanna fermamente le opinioni omofobiche espresse dal sig. Veroli nella predica qui sopra riportata.
1: Nel
dialetto ciociaro la consonante “b” viene sempre raddoppiate (anche se posta all’inizio della parola).
2: Qui, e in seguito, per “Sodoma e Gomorra”.
3: Per “Lot”.
4: Leggi: “non volevano conoscerli nel senso di ‘scambiarsi convenevoli'”.
5: Al meglio delle nostre conoscenze, questo è delirio.

  

Vorrei chiedere agli evangelici di non prendersela troppo: gli idioti sono idioti e ce ne sono ovunque, quindi questo post non è un attacco a voi, ma in generale agli idioti.