Non hai il crocefisso? Multa da 500 euro

Sulla scia delle reazioni violente, in pieno accordo con i valori cristiani, legate alla demoniaca sentenza di Strasburgo, ecco cosa accade in un piissimo e cattolicissimo paesino.
Il sindaco ha imposto il crocefisso ad OGNI esercizio pubblico, vale a dire, a qualsiasi luogo dove avvengono attività che comportino un baccino di utenza pubblico.
Il che significa che se no ha un negozio, un ristorante, un’edicola in questo paese, o espone il crocefisso, o si becca una multa di 500 euro!
W i valori cristiani: schiaccia l’infedele, guadagna tutti i soldi che riesci, sii ipocrita.
 
Ecco l’articolo completo:
Casteldelci, 500 abitanti, piccolo comune incastrato nell’appennino riminese, proprio sotto il monte Fumaiolo, dove si trovano le sorgenti del Tevere. È da qui che parte la crociata contro Strasburgo, in difesa “dei fondamentali valori civili e culturali dello Stato Italiano”. Con un’ordinanza inedita (la n.4 del 16 novembre 2009) il sindaco leghista Mario Fortini ha introdotto l’obbligo dell’affissione del crocifisso in tutti i locali ed esercizi pubblici, pena una multa di 500 euro.Dopo la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, che vieta in sostanza la presenza nelle scuole del simbolo della cristianità, il sindaco Fortini ha deciso di “dare l’esempio” e fare da solo, in forza anche del ricorso del governo italiano contro la decisione della corte. Nell’ordinanza il sindaco “ordina di esporre immediatamente il Crocefisso in tutti gli edifici pubblici presenti nel territorio di questo Comune, quale espressione dei fondamentali valori “civili” e “culturali” dello Stato Italiano”.

Per “edifici pubblici” si intendono però, è lo stesso sindaco a spiegarlo, “anche i pubblici esercizi quali ristoranti e bar e tutti i titolari di una licenza statale”, non solo scuole ed edifici amministrativi. Praticamente qualsiasi luogo che non sia un’abitazione privata. Tra un paio di settimane i vigili urbani del paese cominceranno con i controlli. Chi non avrà ottemperato all’ordinanza e si vedrà somministrato un verbale da capogiro potrà contestarlo in diversi modi: in via informale andando al palazzo comunale per spiegare le sue ragioni “Se per esempio uno vende i kebab ed è di dichiarata fede musulmana – spiega il sindaco – non ci sono obiezioni”. In tutti gli altri casi o per chi non ha intenzione di dover spiegazioni per quanto riguarda il proprio credo religioso, non resta che ricorrere al Tar (il Tribunale amministrativo regionale) dell’Emilia Romagna oppure al Presidente della Repubblica.

http://ilcarattere.wordpress.com/2009/11/17/il-conto-e-salato-per-i-ristoranti-senza-crocefisso/

Aggiornamento: ecco un’altra iniziativa simile:

«Il crocifisso obbligatorio anche nei bar»

A Trivolzio tutti d’accordo con l’ordinanza che prevede per i trasgressori 500 euro di multa. Dopo gli edifici pubblici, il sindaco Bremi ha nel mirino gli esercizi commerciali
TRIVOLZIO. Dopo gli edifici pubblici, il crocifisso sarà imposto in negozi e bar nel paese di san Pampuri: «Era il nostro programma iniziale – dice il sindaco Paolo Bremi – Emetterò un’altra ordinanza per cui tutti gli esercizi pubblici dovranno appendere il crocifisso».
Nei giorni scorsi il sindaco deciso di obbligare gli edifici pubblici comunali e non, dalla scuola al poliambulatorio, ad appendere il crocifisso e dal 27 novembre i trasgressori saranno sanzionati con 500 euro di multa. «L’ordinanza era l’unico modo di imporre a tutti i nostri valori – spiega il sindaco – Voglio prevenire la presa di distanza di qualcuno dalle nostre radici».
Per ora gli unici a poter essere sanzionati sono i responsabili degli edifici pubblici, il direttore delle poste o la dirigente scolastica. Ma nel paese del santo, dove ogni domenica pullman carichi di fedeli si riversano alla messa, il crocifisso è su tutte le pareti da tempo. Al poliambulatorio ce n’è uno piccolo e bianco di ceramica; in ogni stanza del Comune se ne trovano di ogni foggia e dimensione, dal legno d’ulivo allo smalto di Assisi e c’è già persino in posta. «In municipio ne mancavano due, li abbiamo comprati in questi giorni», racconta un’impiegata comunale soddisfatta. E il Comune ha comprato un crocifisso anche per l’u nica aula della scuola primaria dove non c’era, quella della prima elementare. Difficile poi che le critiche all’ordinanza vengano dall’opposizione, in quota Forza Nuova, che di questa battaglia ha fatto una bandiera.
«E’ giusto imporlo per obbligo» afferma la maestra Elena Ruzza e come lei sembrano pensarla la maggioranza dei paesani, a partire dalla nonna Augusta Bertolazzi, che vede l’ordinanza come «un modo per mantenere le tradizioni».E Yuri Dell’Arte chiede: «Non è giusto togliere il crocifisso dalle pareti, ma imporlo per forza era necesssario?».
La vicepreside dell’Istituto comprensivo di Casorate, dal quale dipendono i due plessi di Trivolzio commenta: «Non c’è mai stata alcuna remora nell’esporre il crocifisso». Il fastidio, nella cattolica Trivolzio, si respira più per la sentenza della Corte Europea che ritiene lesivo del diritto di ogni genitore a educare i figli secondo le proprie concezioni religiose. «Non è vedere il crocifisso che impedisce di essere laico – conclude la l’insegnante di religione – Se ne ha paura perché impone il confronto con la coscienza».
 
Si segnalano iniziative simili (imporre il crocefisso a tutti, esercizi pubblici, privati, scuole, uffici, strade, cartelli stradali, comuni ecc…) anche a:
Ascoli Piceno (AP), Ardea (RM), Asiago (VI), Badia Polesine (RO), Besana in Brianza (MB), Calsteldelci (RN), Cicciano (NA), Enna (EN), Fabbriche di Vallico (LU), Gallio (VI), Galzignano Terme (PD), Loreto (AN), Ostra Vetere (AN), Priverno (LT), Roana (VI), Rossano Veneto (VI), Saluggia (VC), Sassuolo (MO), Scarlino (GR), Sezzadio (AL), Trivolzio (PV), Zibello (PR),  Montesilvano (PE), Comune di Vibo Valentia, Corciano (Pg), ecc…
Annunci

6 Responses to Non hai il crocefisso? Multa da 500 euro

  1. Tadd says:

    Secondo me è abuso d’uffico! Ma c’è anche una buona dose i idiozia in tutto questo.

  2. Zel says:

    Sì… se avessi un ristorante di mia proprietà, nessuno potrebbe obbligarmi a esporre altro che non siano le circolari dello Stato Italiano (quindi, la licenza e il divieto di fumo, in quanto per LEGGE sono obbligatoriamente da esporre). Io farei ricorso al Tar E all’UE e mi beccherei i 5000 euro!

  3. Mito says:

    Mhauhuauahha ommadonna, questi son pazzi!SCHIACCIA L’INFAME!

  4. Sandro says:

    Tra gli esercizi commerciali potremmo includere anche i Sexy Shop?

  5. Zel says:

    Certo! Pure il negozio di arti magiche!

  6. fabio says:

    Che bello!!!
    Un crocefisso… di fronte alla sezione bondage!
    si sentirebbe a casa 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: