Punizione divina?

Hehe!
In tre giorni mi è successo di tutto:
1) mi è esploso il Decoder di Sky:
 
2) mi si è sputtanato il Pc
3) il gatto ha  vomitato come ne L’Esorcista:
4) mi si è fulminata una lapadina in salotto
5) mentre il mio moroso la cambiava, gli è crollato sul piede un quadro (taglio profondo e lividi bluastri)
 
… c’è da chiedersi se sia la punizione di Dio ai miei molteplici e goderecci peccati (sessuali, di gola, di apostasia hehe!)… i Tradizionalisti affermano che lo tsunami che colpì l’Asia era la punizione di Dio al turismo sessuale (non si sa però perchè Dio ammazzò i bambini vittime di tali abusi e non i turisti schifosi che ci andavano…); padre Livio afferma che il terremoto in Abruzzo sia stata la punizione di dio all’Aquila per aver ospitato un meeting di atei… insomma…
W il Dio vendicativo dell’Antico Testamento!
“Oh, potente e crudele Dio,
 tu che hai massacrato milioni di innocenti col Diluvio Universale,
 tu che nella Bibbia hai ucciso più di un milione di persone (e Satana solo 23!!!),
 tu che distruggi le città con pioggia di fuoco (e poco conta se l’archeologia ha trovato le prove di un terremoto!)…
Oh Crudele Entità,
salvami dal vomito del gatto!
Abbi pietà dei miei elettrodomestici (della lavastoviglie no, tanto la devo cambiare tra poco)!
Preserva i miei soprammobili!
A te sacrificherò capre e bambini (tutti di nome Isacco, o posso cambiare?!)
in cambio del tuo perdono!
Amen”

VIdeo natalizio d’obbligo con musichette di buoni sentimenti

Schiava del clima natalizio, vi propongo un tenerissimo video di piccole renne danzanti che vidi in Russia sulla tv tedesca e che mi ha sempre accompagnato nei periodi festivi invernali.
Buona visione e BUON NATALE A TUTTI!

Buon “natale”: festa pagana che i cristiani ingenuamente continuano a festeggiare! Hehehe!

 

Se 2000 anni fa (data sbagliata… Gesù è nato nel 7-5 a.C. ad Aprile… ma a ciulare le feste ai pagani, i cristiani sono sempre stati dei grandi!) ci fosse stato Facebook…..

Ergo, buone feste a tutti!

Ho-ho-ho!

La Stella del Diavolo

In onore alla notte delle streghe e del male, vi presento la Stella del Diavolo, sede del male e del demonio per gran parte delle culture prescientifiche del mondo. La nostra stella, dagli astronomi chiamata HD 19356, era dagli arabi indicata come Ras Al Ghul, la Testa del Diavolo, e dagli ebrei come Rosh ha Satan, la Testa di Satana. La stella si trova nella costellazione di Perseo, e al suo originario nome arabo si è sostituito l’occidentalizzato Algol.

 La collocazione della stella nella volta celeste.

 

La sua rappresentazione nelle immagini arabe: Ras Al Ghul è quella testa barbuta e demoniaca in mano al paladino saraceno.

Perseo, in questa costellazione, è rappresentato con la spada in alto, mentre ha appena finito di decapitare la testa della mostruosa Medea, che tiene ancora stretta nella mano sinistra, che, manco a dirlo, è la mano del male. Sinistro è un altro termine coniato anticamente dopo che i Druidi Celtici si accorsero che il lato sinistro del cielo (quello a sinistra dell’Est, il punto cardinale dove ha sede il sole e la vita), era la sede delle potenze infernali e maligne, in quanto non era mai attraversato dal sole.

Manco a farlo apposta, la Stella del Diavolo anche nell’iconografia occidentale della costellazione si trova proprio in corrispondenza con l’occhio sinistro di Medusa, occhio che pietrificava chiunque ne incrociasse la vista.

 

Vedete Algol nell’occhio sinistro, spalancato e fisso verso di voi.

Ma perché, da tutte le culture antiche tale stella è stata identificata col male?

Perché non ha una luce costante come tutti gli altri astri celesti, ma si affievolisce ogni tre giorni, per tornare poi a brillare dopo altri tre. Una stella così incostante, diversa dalle altre, non poteva che essere di cattivo auspicio, anche perché la sua altezza massima in cielo è proprio verso mezzanotte, momento in cui si praticano, nelle ombre notturne, culti e riti segreti e cruenti, sotto la luce di tale malevola stella.

A riabilitare l’onore del povero astro, al pari di altre mille mila credenze popolari, tutt’oggi in voga, ci volle l’intervento della scienza, che scoprì che la stella Algol non era una stella singola, ma un sistema binario, con due stelle, una più luminosa e grande e l’altra più piccola e fioca, che si girano attorno.

Quando la più piccola e fioca passa davanti a quella più grande, crea, per noi che le osserviamo, un’eclissi, attenuando notevolmente la luminosità della prima.

Si è inoltre scoperto, che probabilmente Algol A e Algol B fanno parte di un sistema di 4 stelle, ma gli studi sono ancora in corso.

Nell’immaginario comune, il nome Ras Al Ghul è diventato familiare con l’uscita del film Batman Begins, dove il giovane Bruce Waine viene accolto in un monastero dal fortissimo Ras Al Ghul, che diventerà poi il suo acerrimo nemico.

Nel fumetto, è rappresentato con la pelle color rosso, proprio per tenere fede al suo nome demoniaco:

Questo per dimostrare che gran parte delle credenze sul “male”, sui suoi attributi, sulle sue influenze, sulla sua sede, sulla sua “potenza nel mondo” non derivano da altre cose che stupide credenze antichissime frutto di ignoranza. 4000 anni fa erano scusati se credevano che nella notte di Halloween la Stella del Diavolo splendesse alta nel cielo a santificare a Satana i riti in atto, oggi non lo siete!!!

Buona festa a tutti!

 

Il cavaliere senza morte

 
De tera n’ho traversàda, de acqua n’ho cognussüda,
de veent n’ho inscè purtaa in di me sacöcc…
se sun sbassàa come un ramm de sàles, se sun smagiaa come un trunch de plàten
ma sun staa anca bel drizz cumè un ciprèss…
quaand che m’hann dii che’l mund girava ho cuminciaa a cürrech a’dree e adèss ho giraa püsse de luu… ma l’soo che ho mea vengiüü…

Ho pruvaàa el Martèll de Thor, i sgrafignaad de la Babayaga e Vainamöinen el m’ha insegnaa a cantà…
e quanti omen con scià na spada ho trasfurmàa in funtàn de saangh
e pò la Morrigan la passava a netà tütt…
quand che m’hann dii che’l muund cantava stori de Achille e de Cuchulain
me n’ho cupàa püsèe de luur… ma de canzönn n’ho mai sentüu…

E alura via anima in pèna a carcà el fuund de la damigiana
senza necorgéss che ho bevüü in del Sacro Graal…
vurèvi beev per desmentegà e ho guadagnaa l’immortalità
propi la sira che vurevi pruvà a crepà…
una Valchiria da segunda man e un druido senza giüdizi
m’hann faa sultà deent nel teemp comè un precipizi…
e sun partii per la nuova gloria e ho vedüü merci la storia
cumè un Dio in armadüra ma a pè biütt…

Forsi per noia o per vanità, sun naa in söl fuund del laagh
per ritruvà la spada de Re Artù…
ma Excalibur serviss a un cazzo, e Viviana me l’ha dii
se a manegiàla ghè lè un rembambii…
quand che m’hann dii che ‘l muund pregàva, ho pregaa püsse de lüü
e adess che ho tacaa la spada al müür… effettivamente la me paar ‘na cruus…

E sun partii per la tèra santa, la lama in cieel e l’infernu in tera
perchè m’han dii che l’era santa anca la guera…
culpi de spada a furma de cruus culpi de spada a mezzalöena
che in paradis a tücc ghe spècia una pultrona…
e i m’hann dii che se’n cupavi tanti, scancelavi i mè pecàà…
che l’è diverso cupà quii giüst e quii sbagliàa…

Ma me pudévi piö murì… e quindi niente aldilà…
ho saraa i öcc e ho pruvàa a specià…
ho speciaa che la finiva e sun indurmentaa
ho verdüü i öcc e ho veüü i carri armàa…

 

DAVIDE VAN DE SFROOS

Berlusconi santo subito… e in 30 mila ci cascano come idioti!

Non sapevo bene dove mettere la notizia, in che categoria: religione? Effettivamente la beatificazione è roba cattolica. Politica? Effettivamente Berlusconi vuole farsi passare per politico. Alla fine, relego l’articolo al generico “intrattenimento”.

Immagine 2

Ecco qui la notizia, largamente pubblicizzata su Facebook: un gruppo di cittadini italiani, tra cui avvocati, ha deciso di raccogliere fondi per sostenere la campagna di beatificazione di Berlusconi, unico vero baluardo contro le lobby gay-sioniste-comuniste-laiciste.
Il sito che proclama tale santa battaglia, al grido di “Dio lo vuole” lo trovate qui: http://www.berlusconibeato.com/
Si legge: “Il Comitato promotore per Berlusconi Beato nasce dalla passione per il nostro paese, dalla fede nella nostra chiesa, dal bisogno di verità e di luce che solo l’amore per Cristo e per Silvio Berlusconi possono dare.
Chiunque sia in possesso delle proprie facoltà mentali e non sia stato portato sulla via del maligno dai giornalisti e dalle televisioni al servizio del male sa bene che la speranza, quella stessa speranza che i comunisti ed i loro scellerati compagni di strada, voglio uccidere, oggi si ritrova in un unico e grande uomo: il presidente Silvio Berlusconi.

Il presidente non è semplicemente un uomo politico, non è semplicemente un imprenditore, non è semplicemente un uomo di cultura, un uomo di fede, un difensore della verità e della vita, il presidente Silvio Berlusconi rappresenta oggi l’unica vera via alla Luce Divina disponibile sul nostro mondo terreno. Un mondo di peccato ma anche un mondo dove la gloria del signore può e deve essere celebrata attraverso le opere del nostro presidente.”

… ebbene, in 30mila hanno risposto all’appello e hanno cercato di fare donazioni sui conti indicati dal sito. Orrore: i codici erano sbagliati! Così, hanno contattato il fondatore del sito tramite centinaia di mail, in cui gli chiedevano i codici iban corretti e, anche, come collaborare attivamente nel sacro intento.

Il fondatore del sito altri non è che Massimo Scialò, docente di Marketing presso la Sapienza di Roma, che ha voluto fare un esperimento per vedere quanto facile sia far credere qualsiasi cosa agli italiani e, sopratutto, quanto facile sia arricchirsi su questi cretini. Cretini, sì, perchè lo so pure io, atea, che per iniziare le pratiche di beatificazione il “beato” dev’essere già defunto (e non mi risulta che Berlusconi lo sia, purtroppo e per ora) e deve aver compiuto almeno un miracolo riconosciuto dalla Chiesa Cattolica post-mortem (ma non essendo ancora morto…). Cretini e berlusconiani, parrebbe, vanno a braccetto!

Qui l’articolo comparso su Repubblica: http://stagliano.blogautore.repubblica.it/?ref=hpblog

IDIOTA CHE PER PURO CASO E’ PURE EVANGELICO MA CHE NON FA RIDERE PERCHE’ SEGUE TALE FEDE MA PER L’ITALIANO CHE USA

Hehe… non lo metto nemmeno nella categoria “Religione” perchè è troppo idiota.

Questo predicatore evangelico, ex prete (parrebbe), si chiama Giuseppe Giralico, del comune di Veroli (FR) e, sempre a suo dire, capo della comunità evangelica di quella regione.

Ammetto subito che su internet non esistono reali informazioni su tale personaggio, e quindi ci si rifà a quello che dice lui.

Di video ce ne sono centinaia (gli idioti non chiudono mai la bocca, ma vanno orgogliosi della propria ignoranza), ma ho selezionato per voi uno che ne raccoglie i migliori (che comunque trovate su Youtube).

Riporto sotto alcune trascrizioni dei passi migliori, perchè davvero, questo personaggio merita ogni singola risata che suscita.

Buona visione!

PS: vorrei far notare che ha “il dono delle lingue” (tranne dell’italiano), in quanto ogni tanto boffonchia alzando le mani al  cielo parole che non esistono… è “realmente” la manifestazione di tale dono (a suo dire)… anche tali “doni” sono riportati nelle trascrizioni qui sotto (e in particolar modo nella terza e nella quarta).

  

   

 

“Gli altri senza legge. Parlate delle targhe alterne accóme1 state a parlà delle caramelle! Cosa credete ca2 il popolo ddó va a rubà i soldi?! Siete voialtri che avete sbagliato! E lo dovete ammette che avete sbagliato! Perché dovete comandare… quelli che portano le macchine dentro, o la Fiét4, o la Forde4, qualisisi macchina devono venire co la ma… marmitta catalitica, e no… e nemmeno quella bastanza, e non, non n’z deve fare il car pull tre persone ogni macchina, perché io non conosco chi devo mette. S’io sono una donna, entrano due banditi dentro alla macchina, siete contenti e pagati voialtri le spese, pagate ogni cosa? O siete… siete falsari? Cosa siete? Voi altri non sapete nniente del Governo! Invece mettate le targhe catalitiche! E faciate i parcheggi fuori dalla strada, fuori dalla autostrada! Ci vogliono parcheggi grandi s’ ulét’ fà5 n’ l’, le… car pull, accomm’1 dicono all’America! E le macchine se fermano la’ devono avere anche un parcheggio, no? Benedetto sia il nome del Signore! Oh Kalatà shaiànda kayanda6! Per nome di Gesù Cristo! […] Per nome di Gesù! Benedetto sia l’Eterno! D’una ‘ternità a un’altra… ammènn!”

1: Termine di derivazione dialettale. Dal dizionario ciociaro: “accómm”=come
2: Termine dialettale. Dal
dizionario ciociaro: “ca”=che
3: Termine di derivazione dialettale. Dal
dizionario ciociaro: “addó”=dove
4
: Termini dialettali per FIAT e Ford
5: Dal
dizionario ciociaro: “volete fare”
6: Al meglio delle nostre conoscenze, questo è delirio.

 

“.. parla ai gioveni, alle giovane, che cercabno essere da…da.. da essere sessuali, da avere un rapporto co.. co… coi giovani. E’ una cosa abbominevole verso il Signore! Perché voialtri vi mantenete a resistere. Voialtri siete benedetti dall’Eterno. Il sessualismo è una cosa cattiva, è un peccato. Il peccato lo portate fino al matrimonio, dopo il matrimonio ci starà sempre la guerra, perché ci sono divorzi, perché non ci stiamo attenti da essere sessuali, non ci guardiamo da essere fermi con la parola di Dio. Bisogna essere fermi, non bisogna essere adultero-sessualismo! […] Perché non sono da Dio… Lo ‘nsegnano nelle scuole, perché ne… nella scuola fanno vedé ca1 c’hanno la relogione  e invece non è religione. Il sessualismo è una cosa peccato! E’ una cosa abbominevole! […]

1: Termine dialettale. Dal dizionario ciociaro: “ca”=che


“l Signore è grande, fratelli. Ancora, tutte io metto, tutte l’enfermità, qualsiasi infermità, davanti al trono della Grazia. Anche l’èzz1, ogni infermità, ognuno che c’ha l’infermità, che crede in Gesù Cristo, che poggia le sue mani sopra le mie. E io sgrida ogni infermità che voi altri avete. Padre, per nome di Gesù Cristo. Io sgrida ogni infermità, o Signore. Ushakarapah, per nome di Gesù-uuh, kaltìkiaparassàh2. Siete guariti per nome di Gesù Cristo! Signore guariscili ognuno per nome di Gesù Cristo! Distruggi ogni infermità! Ogni malattia, Padre, per nome di Gesù Cristo! Distruggi, o Signore! Per nome di Gesù! Guariscili dalla testa fino alli piedi, Signore, ognuno che tocca le mie mani, ognuno che crede che è guarito questa sera per nome di Gesù Cri-uhshalaparasalakah3…”

 

1: Leggi: “Anche l’AIDS, […]”.
2: Al meglio delle nostre conoscenze, questo è delirio.
3: Anche questo.

Parliamo dell’uomosessuale, o Signore. L’uomosessuale è una cosa abbominevole1 davanti a Te. Tu hai mandato i Tuoi angeli a Sàdoma e Camorra2, o Signore, tu l’hai distrutta. Perché erano omisessuali, non c’era nessuno avveduto, c’era solo Lotte3, Signore. E tu hai tirato fuori Lotto3 da Sàdoma e Camorra, o Signore, e addistruggi Sàdoma e Camorra. Ma quando i Tuoi angeli hanno arrivati a Sàdoma e Camorra, quelli uomini di Sàdoma e Camorra volevano, volevano provare, volevano, volevano conoscere gli angeli, Signore. Ma non li volevano conoscere, Signore, come stai o come non stai4: li volevano conoscere sessualmente, Signore. Ammén ammén amménna olashikiria sayanda5

 

N.B.: La redazione di questo sito si dissocia e condanna fermamente le opinioni omofobiche espresse dal sig. Veroli nella predica qui sopra riportata.
1: Nel
dialetto ciociaro la consonante “b” viene sempre raddoppiate (anche se posta all’inizio della parola).
2: Qui, e in seguito, per “Sodoma e Gomorra”.
3: Per “Lot”.
4: Leggi: “non volevano conoscerli nel senso di ‘scambiarsi convenevoli'”.
5: Al meglio delle nostre conoscenze, questo è delirio.

  

Vorrei chiedere agli evangelici di non prendersela troppo: gli idioti sono idioti e ce ne sono ovunque, quindi questo post non è un attacco a voi, ma in generale agli idioti.

 

Ninna nanna del contrababndiere

Ninna Nanna del Contrabbandiere
Davide Van de Sfroos
 
Ninna nanna, dorma fiöö…
el tò pà el g’ha un sàcch in spala
e’l rampèga in sö la nòcc…
Prega la loena de mea fàll ciapà
prega la stèla de vardà in duvè che’l va
prega el sentée de purtàmel a ca’…

Ninna nanna, ninna oh…..

Ninna nanna, dorma fiöö…
el tò pà el g’ha un sàcch in spàla
che l’è piee de tanti ròpp:
el g’ha deent el sö curàgg
el g’ha deent la sua pagüra
e i pàroll che’ll po’ mea dì….

Ninna nanna, ninna oh….

Ninna nanna, dorma fiöö…
che te sògnet un sàcch in spàla
per rampegà de dree al tò pà…
sö questa vita che vìvum de sfroos
sö questa vita che sògnum de sfroos
in questa nòcch che prégum de sfroos

Prega el Signuur a bassa vuus…
cun la sua bricòla a furma de cruus….

Pasqua 2009

E’ risorto dalla tomba e vuole la tua anima!
 
Domani è Pasqua, vale a dire la festa per la zombificazione di Gesù, uomo palestinese vissuto 2000 anni fa.
L’iconocrafia per questa macabra ricorrenza è ricca:

ZombieJesus.png image by alex415_photos

"Da quando è resuscitato non si comporta molto bene!"

"Smamma, Gesù"

"Cervelli! Ho bisogno di cervelli!"

"Perchè il mio Messia mi sta mangiando il cervello?"

…e il terzo giorno è resuscitato dalla tomba.

Maglietta ufficiale della ricorrenza.

"Gesù lo Zombie: è resuscitato!"

Buon Giorno di Gesù Zombificato

 a tutti!!!

Tenete saldi i vostri cervelli se Gesù-Zombie busserà alla vostra porta domani!!!

8 Marzo: da V per Vendetta, la lettera di Valerie

 
So che non posso in nessun modo convincerti che questo non è uno dei loro trucchi, ma non mi interessa. Io sono io.
Mi chiamo Valerie. Non credo che vivrò ancora a lungo e volevo raccontare a qualcuno la mia vita. Questa è l’unica autobiografia che scriverò e … Dio… mi tocca scriverla sulla carta igienica.

Sono nata a Nottingham nel 1985. Non ricordo molto dei miei primi anni, ma ricordo la pioggia.
Mia nonna aveva una fattoria a Totalbrook e mi diceva sempre che “Dio è nella pioggia”.
Superai l’esame di terza media ed entrai al liceo femminile. Fu a scuola che incontrai la mia prima ragazza: si chiamava Sara. Furono i suoi polsi… erano bellissimi. Pensavo che ci saremmo amate per sempre. Ricordo che il nostro insegnante ci disse che era una fase adolescenziale, che sarebbe passata crescendo. Per Sara fu così, per me no.

Nel 2002 mi innamorai di Christina. Quell’anno confessai la verità ai miei genitori. Non avrei potuto farlo senza Chris che mi teneva la mano. Mio padre ascoltava ma non mi guardava. Mi disse di andarmene e di non tornare mai più. Mia madre non disse niente, ma io avevo detto solo la verità, ero stata così egoista? Noi svendiamo la nostra onestà molto facilmente, ma in realtà è l’unica cosa che abbiamo, è il nostro ultimo piccolo spazio… All’interno di quel centimetro siamo liberi.

Avevo sempre saputo cosa fare nella vita, e nel 2015 recitai nel mio primo film: “Le pianure di sale”. Fu il ruolo più importante della mia vita, non per la mia carriera ma perché fu lì che incontrai Ruth. La prima volta che ci baciammo, capii che non avrei mai più voluto baciare altre labbra al di fuori delle sue.
Andammo a vivere insieme in un appartamentino a Londra. Lei coltivava le Scarlett Carson per me nel vaso sulla finestra e la nostra casa profumava sempre di rose. Furono gli anni più belli della mia vita.
Ma la guerra in America divorò quasi tutto e alla fine arrivò a Londra.
A quel punto non ci furono più rose… per nessuno.

Ricordo come cominciò a cambiare il significato delle parole. Parole poco comuni come fiancheggiatore e risanamento divennero spaventose, mentre cose come Fuoco Norreno e gli articoli della fedeltà divennero potenti. Ricordo come diverso diventò pericoloso. Ancora non capisco perché ci odiano così tanto.
Presero Ruth mentre faceva la spesa. Non ho mai pianto tanto in vita mia. Non passò molto tempo prima che venissero a prendere anche me.
Sembra strano che la mia vita debba finire in un posto così orribile, ma per tre anni ho avuto le rose e non ho chiesto scusa a nessuno.
Morirò qui… tutto di me finirà… tutto… tranne quell’ultimo centimetro… un centimetro… è piccolo, ed è fragile, ma è l’unica cosa al mondo che valga la pena di avere.
Non dobbiamo mai perderlo, o svenderlo, non dobbiamo permettere che ce lo rubino… Spero che chiunque tu sia, almeno tu, possa fuggire da questo posto; spero che il mondo cambi e le cose vadano meglio ma quello che spero più di ogni altra cosa è che tu capisca cosa intendo quando dico che anche se non ti conosco, anche se non ti conoscerò mai, anche se non riderò, e non piangerò con te, e non ti bacerò, mai… io ti amo, dal più profondo del cuore… Io ti amo.
Valerie.