Non commettere atti impuri I

CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA, CAPITOLO 6:

 NON COMMETTERE ATTI IMPURI

-I-

 

Piccolo riassunto sulle posizioni ufficiali della Chiesa Cattolica sul sesso e tutto quello che lo concerne.

Partirò usando gli articoli del Catechismo ufficiale, analizzandoli tutti (a più puntatte) e introducendo di volta in volta altrri documenti uffiali, come enclichiche, compendi, ecc….

 

Innanzi tutto è bene notare che nel Catechismo della Chiesa Cattolica la parola sesso non è mai scritta… si parla di sessualità,concetto vario ed eventuale. Per far chiarezza, ecco come lo Zanichelli 2007 definisce le due parole:

         sesso: attività sessuale ed  i problemi ad essa attinenti

         sessuale: che si riferio scoposce al sesso

         sessualità: insieme di caratteri fisici, funzionali, psicologici e culturali legati all’attività sessuale.

Se il sesso quindi è attività, la sessualità include in senso più ampio tutto quello che al sesso sta attorno, dalla società alla psicologia, dall’etica alla morale, ecc… da notare, come ogni cultura abbia avuto la sua personale idea di quello che era lecito o meno fare nel talamo, in quanto esprimevano chiari giudizi morali che esulavano il mero concetto di attività fisica che il sesso, in essenza, è. Il sesso quindi è uguale da sempre, mentre è il concetto di sessualità che muta continuamente.

 

Detto questo, iniziamo con l’analisi del Articolo 6 del Catechismo: il sesto comandamento, non commettere adulterio.

Già è interessante che il sesso sia introdotto in questo frangente e non in uno più positivo, come poteva essere il capitolo su “ama il prossimo tuo”.

 

I.      << Maschio e femmina li creò…>>

 

2331: l’uomo ha la vocazione all’amore.

Ma cosa si intende per “amore”?

Il dizionario lo definisce come: profondo sentimento di affetto per una persona che si manifesta generalmente in un disinteressato desiderio di farle del bene e in un bisogno di vivere con lei.

Per definirlo invece per la Chiesa ricorro all’enciclica Deus Caritas Est di Benedetto XVI. Nella prima parte, nel paragrafo 2, introduce tre tipi di amore: l’eros, l’agape e la filia. Dice che il Cristianesimo ha vittoriosamente fatto trionfare l’agape, spodestando l’eros, che lui arbitrariamente definisce nel paragrafo 4 come “pazzia divina” che fa perdere il controllo all’uomo tanto da rendere sacra la prostituzione e da auto degradarsi nella deflagrazione delle passioni incontrollate. L’agape è il vero amore, che lui nel paragrafo 6 definisce, di nuovo arbitrariamente, come “cura dell’altro e per l’altro, tanto che diventa rinuncia, è pronto al sacrificio, anzi lo cerca”. Personalmente, trovo una simile definizione di quello che dovrebbe essere l’Amore molto (devastantemente) triste… perché identificare l’amore mediante attributi negativi? Rinuncia, sacrificio, auto-sofferenza… bell’idea.

Tornando alle definizioni, i veri significati dei tre termini sono (dizionario GI):

         filia: affetto, attaccamento, amicizia… potremmo dire il sentimento che vige tra due amici o tra fratello e sorella.

         eros: amore, passione, desiderio… potremmo dire che sia l’amore travolgente degli innamorati.

         agape: carità, affetto, elemosina… per comprenderlo meglio, dirò anche che deriva dal verbo agapao, che significa: trattare con affetto, coccolare, accontentarsi. Lo attribuirei ai sentimenti che nutro per il mio gatto, o quelli che mi muovono a impegnarmi nel volontariato.

Abbiamo quindi chiarito il primo punto della trattazione sull’amore e il sesso del Catechismo: l’uomo è finalizzato, è votato, all’agape (per usare la terminologia benedettina) che è carità, affetto ed elemosina verso il prossimo.

 

2332: la sessualità concerne ogni aspetto della vita dell’uomo, nell’affettività, nella capacità di amare di procreare.

Diciamolo, se per amore s’intende l’agape, la mia voglia di sessualità decade allo zero termico assoluto. Se poi si riprende in mano la definizione benedettina del termine agape (rinuncia, sacrificio e dolore), c’è da domandarsi perché i cristiani figlino, se il sesso che concerne l’amore è tutto questo dolore fisico e morale… propendo per la tesi che siano tutti intrinsecamente o masochisti (provano piacere nel dolore) o ignoranti, nel senso che ignorano cosa il Papa intendi per amore e continuino a pensarlo come eros, e non come agape.

 

2333: ogni essere umano deve riconoscere e accettare la propria identità sessuale, che si caratterizza da differenze e complementarietà fisiche, morali e spirituali, tutte comunque e univocamente orientate al matrimonio e alla famiglia. Da tutto questo dipende l’armonia dell’intera società.

Qui s’iniziano ad ampliare i piani.

Nel Compendio al Catechismo voluto sempre da Benedetto XVI, si spiega questo punto tagliando le implicazioni sociali e riducendo il tutto a “ogni uomo deve accettare la propria identità sessuale” (punto 487). Ovviamente, è una frase troppo libertina perché sia accettabile dalla Chiesa Cattolica, che introduce subito dopo, nel Catechismo, il concetto di differenze e complementarietà fisiche… il che significa che un uomo non deve tanto accettare la propria identità sessuale (che è di diversi tipi), ma deve soggiogare alle proprie caratteristiche fisiche che dettano univocamente quello che l’identità sessuale dovrà per forza di cosa essere. Non si parla di psicologia in nessuno dei testi cardini della dottrina della chiesa, ma solo di fisicità che detta l’identità sessuale (se nasco con le tette devo avere un’identità sessuale femminile), la morale consona (se ho un’identità femminile, in base alla legge ecclesiastica della complementarietà dovrò essere anche eterosessuale, perché moralmente giusto e moralmente abominevole il contrario) e lo spirito con cui vivere tale sessualità. Da questa perfetta macchina indottrinale e creatrice dipenderebbe, per la Chiesa, la salute di tutta la società umana. Tale punto è sottolineato nel Compendio alla Dottrina Sociale della Chiesa al punto 224, in cui la Chiesa prende una posizione di netto rifiuto verso le cause culturali e sociali dell’identificazione sessuale di una persona, ma ribatte che spetta solo al singolo individuo, indipendentemente dal contesto in cui vive e in cui è cresciuto, accettare la propria fisicità come unica e univoca prova della propria identità sessuale. Il tutto è finalizzato alla creazione del nucleo familiare sancito dal matrimonio come unico lecito per ogni società umana, frutto di una non meglio identificata “legge naturale”. Si conclude che “L’identità sessuale è indisponibile, perché è la condizione oggettiva per formare una coppia nel matrimonio”: nessuno quindi ha la libertà di disporre della propria sessualità né della propria identità sessuale, in quanto l’unico fine è il matrimonio che non è una libera scelta ma un obbligo”naturale” vincolante per ogni essere umano. Mi chiedo allora come sono possibili milioni di esempi di società con parametri diversi che risultavano essere sane comunque…né come mai ci sono milioni di società con identici parametri che sono tare e cancri per il mondo stesso…

 

2334: uomini e donne hanno pari dignità.

Nel Catechismo della Chiesa Cattolica questo è il massimo per le pari opportunità che si può ottenere. Non si dice mai, mai e poi mai, assolutamente mai, che uomini e donne hanno pari DIRITTI, ma solo pari dignità… La stessa solfa sulla pari dignità è ripresa al paragrafo 1934 in cui si dice che,  essendo stati creati dallo stesso dio, uomini e donne hanno la stessa dignità (che spetta comunque a tutte le creature create da dio). Dalla dignità deriverebbe poi l’uguaglianza (concetto che però non viene sviluppato… in che senso uguaglianza? Di diritti o di semplice riconoscimento della stessa condizione di esseri umani? Dico questo perché nel Medioevo la donna non era considerata essere umano a pieni diritti ma solo surrogato umano, forma umana, ma inferiore all’uomo) e sempre da tale dignità ne conseguono dei diritti (paragrafo 1935). Sia ben chiaro che non si stanno affermando pari diritti, perché subito in 1936 si sottolinea che dio ha creato ogni essere umano diverso dall’altro, con talenti differenti, e che il vero uomo sa riconoscere e seguire questo  talento naturalmente connotato nella sua essenza… il che significa che spesso gli uomini devono scendere a patti e mestamente seguire la loro natura perché (paragrafo 1937) questo è stato deciso da lui (dio). Sono condannate solo alcuni tipi di disuguaglianze di trattamento (1938), ma non tutte, perché alcune sono volute da dio stesso, a cui l’uomo deve sottostare. Diritti sì, ma con paletti, limitazioni e senza il diritto ad avere diritti. Nel Compendio alla Dottrina Sociale, al punto 111, si ribadisce che uomo e donna hanno pari dignità perché entrambi creati da dio. Solo nel “rapporto di comunione reciproca (…) realizzano profondamente sé stessi”, nel “dono sincero di sé”, che si concretizza solo nel matrimonio, come unica fonte di realizzazione per il genere umano. Per giustificare questo passo si rimanda all’Antico Testamento, in Osea 1-3. In Os 1,2 si legge: “Quando il Signore cominciò a parlare a Osea, gli disse: << Và, prenditi in moglie una prostituta e abbi figli di prostituzione, poiché il paese non fa che prostituirsi allontanandosi dal signore>>” e quando questa gli partorisce dei figli, allora il Signore gli dice” <<Và, ama una donna che è amata da un altro ed è adultera (…)>>” e Osea va’ e la compra per 15 pezzi d’argento (Os 3,1-3). Mi sembra il passo perfetto da cui prendere spunto per legiferare in materia matrimoniale e per  parlare della dignità della donna. L’altro documento a cui rimanda il compendio è la Gratissima Sane di Paolo VI,del 1994. Al paragrafo 6 si dice che grazie alla Genesi “è possibile distinguere (…) la realtà della paternità e maternità e perciò della famiglia umana” e subito si specifica “Ai nuovi esseri dio dice benedicendoli: <<Siate fecondi e moltiplicatevi (…)>>”. Nel paragrafo 8 si prosegue sulla stessa solfa: “Maschio e femmina per costituzione fisica, i due soggetti umani, pur somaticamente differenti, partecipano in modo ugule alla capacità di vivere nella verità e nell’amore”. Il concetto è chiaro: nel paragrafo che parla dell’uguale dignità di uomini e donne, l’unica cosa che si dice è che uomini e donne hanno uguale dignità ma non diritti, e che sono obbligati per “legge naturale” a metter su famiglia, non liberamente, ma come imposizione naturale e sociale, al fine, unico e innegabile, di mettere al mondo dei figli. In questo sta la dignità umana e l’impossibilità di dichiarare uguali diritti tra uomini e donne, perché le differenze tra di loro sono fondamentali e funzionali per un unico destino e futuro. I diritti che ledono questo obbligo superiore  devono decadere. E’ grazie a questa posizione ambigua che la chiesa può invocare il non diritto dei gay a partecipare anch’essi ai diritti fondamentali dell’uomo o a negare il diritto degli handicappati a sposarsi, o delle donne a fare gli stessi lavori degli uomini ecc… non esistono diritti universali, ma l’universale compito di fare figli degli esseri umani, che non hanno altro scopo, diritto, fine se non la procreazione in una famiglia legata da una non verificata “legge naturale”.

 

2335: ribadisce il concetto espresso in 2334, e cioè che gli uomini e le donne hanno pari dignità ma in modo diverso. Chiarisce poi che solo uomo e donna sono accettabili come unione, in conseguenza logica al concetto di complementarietà e di accettazione della naturale forma fisica della propria sessualità (o, meglio, dei propri organi sessuali. Sono questi che determinano l’identità sessuale, non lo sviluppo psico-fisico adolescenziale).

 

2336: ricorda che il sesto comandamento biblico recitava “non commettere adulterio”, ma la Chiesa, spinta da Gesù che recitava “(…) chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio (Mt 5,28)”, ha deciso di interpretarlo in senso ampissimo includendo ogni aspetto della sessualità umana (fisica, culturale, emotiva, psicologica, ecc) che vada contro la “castità”, che il dizionario definisce come “essere casto” dove “casto” è definito come “che si astiene dai piaceri, puro”. Il che significa che la Chiesa impone la castità da ogni tipo di piacere, al fine di non contravvenire al comandamento da lei reinterpretato liberamente nel XI sec d.C.